Milano : Occupazioni, spaccio e aggressioni «Io picchiato nell’inferno di via Gola»

Il racconto di una delle violenze d’inizio anno. I residenti: «Basta, siamo prigionieri»

Che cosa si aspetti a intervenire su larga scala e non a campione, con operazioni mirate e non con isolate incursioni nella zona di via Gola, ancora non si sa. Di contro alla posizione tutt’altro che periferica, in una geografia alla fine ridotta il quartiere vede picchi di occupazioni abusive, decine di spacciatori di droga, «pressioni» dei centri sociali che si oppongono a prescindere agli sgomberi degli irregolari e al ripristino dell’ordine pubblico. E infatti, in via Gola, accade di tutto. Alle due di notte di domenica, all’angolo con via Pichi, è stata creata una barricata con vecchi mobili, poi incendiati; sono arrivati i vigili del fuoco, aggrediti e respinti a bottigliate; in più un italiano, che adesso ha voluto raccontarsi al Corriere dopo aver presentato denuncia alla polizia,è stato circondato e picchiato.

«È il terzo Capodanno di fila che in strada succede di tutto. C’erano sì i mobili ma erano anche stati presi pezzi di un vicino cantiere. Alcune persone si erano arrampicate e li avevano strappati dai ponteggi. Tutto era servito per accendere l’incendio. Io mi sono avvicinato per dire di smetterla, ma quelli che ho trovato erano completamente ubriachi, nemmeno riuscivano a capire le mie parole. Se ricordo bene erano in grandissima parte stranieri, forse nordafricani e forse gli stessi che gestiscono la droga». Allora l’italiano aveva azzardato un’altra via, cercando della gente sobria. L’aveva agganciata e nel gruppo, pare, c’erano anche dei connazionali. Aveva riformulato la stessa richiesta, per cortesia smettiamola di sfasciare il quartiere, e come risposta l’avevano assalito, tirandogli un pugno e sbattendolo sul marciapiede. La violenza era stata accompagnata da insulti: «Fatti i c… tuoi».

Sull’aggressione indaga la Digos. Da tempo i residenti stanno facendo mille tentativi, spesso vani. Ce ne sono alcuni molto coraggiosi, che sfidano i ras del quartiere con esposti e con denunce. Qualcuno, sfinito, ha aperto un contratto con società di sicurezza perché una macchina con la guardia resti parcheggiata davanti ai condomìni, così da scoraggiare le presenze. Presenze che, nel caso degli spacciatori, anziché diminuire crescono in un’esibito, plateale e offensivo controllo del territorio che comincia dai ponti sul Naviglio. I caseggiati popolari, di proprietà dell’Aler, hanno situazioni estreme, incancrenite, tremende. Con il loro atteggiamento di «protezione» di chiunque, osservano gli abitanti, i centri sociali altro non fanno che garantire l’impunità sia a quei balordi che vivono negli alloggi-covi, sia agli stessi venditori di droga. E siamo solo in inverno, figurarsi le scene in primavera ed estate. Domenica, secondo la ricostruzione degli investigatori, era in corso una specie di festa degli antagonisti «Cuore in Gola» per accogliere il 2017. Dice di nuovo quell’italiano: «Da un lato c’è una progressiva mancanza di rispetto verso il bene pubblico; dall’altro non c’è affatto l’intenzione di contrastare una quotidianità divenuta ormai abuso e sopruso. Mi domando, davvero, il motivo dell’assenza di interventi netti e radicali».

In via Gola, è giusto ricordarlo, la notte del primo gennaio è stato impedito ai pompieri di spegnere un incendio con fiamme che, come raccontato dagli abitanti che hanno chiamato i vigili del fuoco, avevano già raggiunto i secondi piani, lambendo pericolosamente i balconi e le finestre dei palazzi.